Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016 Questo sito utilizza cookie di terze parti per conoscere le tue preferenze ed inviarti pubblicità in linea con i tuoi interessi. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso a questi cookie, accedi alla Informativa estesa sull'utilizzo dei cookie - Cookie policy. Cliccando su "Accetto", scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies in conformità con la nostra Cookie policy.

DESIGN STUDIO WEB

DESIGNING WEB SITES LAYOUT RESPONSIVE

  • News Team Sara Web

Speedgeddon di Google

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Google sta dando sempre più importanza alla velocità di caricamento dei siti web. 

Infatti nella Google Search Console troviamo già il nuovo report di velocità per la varie pagine che ci permette di tenere traccia di eventuali pagine lente e che necessitano di un miglioramento in fatto di prestazioni, magari perchè ci siamo dimenticati di aver inserito un'immagine troppo pesante oppure dei file CSS molto grandi.

La Google Search Console ci notificherà via email, come già eravamo abituati per altre funzionalità, se alcune pagine presentano dei problemi in quanto troppo lente. 

Il team di Google sta lavorando per integrare direttamente in Chrome una speciale 'badge' che contrassegnerà i siti lenti, rendendo di fatto evidente, per un visitatore, che il sito che sta aprendo caricherà la pagina molto lentamente. Pertanto l'effetto sarà quello di incoraggiarlo ad abbandonare quel sito a beneficio di altro più veloce e performante.

Quindi non solo un fattore di ranking, la velocità di caricamento delle pagine web diventerà anche una sorta di fattore valutativo da parte degli utenti che utilizzano Chrome per navigare, che a colpo d'occhio potrebbero essere in grado di decidere se cliccare o meno sul risultato di una SERP contrassegnato come lento, oppure se decidere a favore di un altro più veloce.

Direttamente da Google per poter evidenziare eventuali problemi da risolvere e i miglioramenti necessari per aumentare la velocità e le prestazioni del proprio sito web, si tratta di Google PageSpeed Insights: https://developers.google.com/speed/pagespeed/insights/

Il test di Google PageSpeed genera un report sulle performance di una pagina sia per i dispositivi mobili che desktop e fornisce consigli riguardo ai vari aspetti che dovrebbero essere migliorati. Alla base di tutto, c'è un punteggio assegnato alla pagina valutando le performance ottenute, un vero e proprio grado di classificazione. Questo punteggio viene determinato tramite Lighthouse che è un software open-source di Google in grado di analizzare velocemente qualsiasi indirizzo URL e produrre un dettagliato report. Il punteggio si suddivide in 3 categorie:

  • Oltre 90: la pagina è considerata veloce
  • Tra 50 e 90:la pagina è considerata nella media
  • Al di sotto di 50: la pagina è considerata lenta

L'obiettivo sarà quello di evitare pagine che ricadono nella terza categoria con un punteggio al di sotto di 50, se staremo al di sopra di questa soglia il nostro sito non verrà etichettato come lento.

Il plugin più conosciuto è sicuramente JCH Optimize reperibile a questo indirizzo: https://www.jch-optimize.net che è distribuito in 2 versioni differenti, una gratuita e una versione PRO a pagamento

Per siti professionali e per ottenere risultati migliori si consiglia la versione PRO che include funzionalità molto più avanzate come la gestione del protocollo HTTP/2.

  • Il plugn è disponibile per i seguenti CMS: -  Joomla  -  WordPress -  Drupal -  Magento

 

Templates Horse Club

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Realizzazione e progettazione di siti Web con modelli / temi della nostra produzione nelle applicazioni:

  • CMS Joomla - Drupal - WordPress - HTML5

 

Pubblicazione Sito Web Assistenza PC Gorgonzola

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Design Templates

Pubblicazione Sito Web Assistenza PC Gorgonzola

www.assistenza-pc-gorgonzola.it/

Assistenza PC Gorgonzola

  • Templates of our production
  • Responsive RWD

Si noti che, oltre alla progettazione e realizzazione di modelli / temi per applicazioni CMS, seguiamo il vostro sito Web per l'implementazione di estensioni (moduli e plug-in) e la realizzazione del layout di pagina..

Tutti i nostri modelli / temi sono responsive design compatibili con i dispositivi mobili.

 

Se sei interessato a fare un Vs. Sito Web aziendale, non esitate a contattarci ... Applicazione CMS: Joomla - Drupal - WordPress

 

Team Sara Web

  • Web Master _ Pasquale Dossi | e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Templates / Themes Febbraio 2019

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

My projects in the responsive layout

Design Studio

Design Studio

Realizzazione e progettazione di siti Web con modelli / temi della nostra produzione nelle applicazioni CMS Joomla - Drupal - WordPress - HTML5

SEO 2019 Trend

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La prima cosa da fare è porre particolare attenzione in modo da ottimizzare i nostri siti e blog all'interno delle ricerche (“search”).

Se l’annata in corso ha portato alla ribalta alcune questioni tecniche quali il protocollo per la comunicazione sicura “HTTPS” in sostituzione del vecchio “HTTP” (in realtà ancora largamente usato) e il sistema “AMP” (Accelerated Mobile Pages, in verità lanciato già da circa tre anni) per velocizzare il caricamento delle pagine su cellulari e tablet, alcuni tra i massimi esperti SEO a livello mondiale prevedono che il 2019 ci porterà novità ben più clamorose a partire dall'enorme aumento di volume delle ricerche vocali, dalla grande crescita di ricerche su Amazon (AMSO, ovvero Amazon Search Optimization), dall'ulteriore sviluppo della “Blockchain” (catena di blocchi), dall'ulteriore incremento di ricerche “mobile” e dalla valorizzazione dei backlink di alto livello.

Oltre a questi parametri, dovremo continuare a focalizzare la nostra attenzione innanzitutto su contenuti di alta qualità, sulla lunghezza dei testi, su un saggio utilizzo delle keyword, dei link interni e dei vari h2 – h3 (ecc.), sull’uso di una adeguata meta descrizione (da molti ormai reputata secondaria, ma invece fondamentale per quei siti che abbiano soprattutto modesti volumi di visite) e di un valido indirizzo URL, sulla valorizzazione di video e fotografie all’interno delle pagine e, naturalmente, sul confronto continuo con altre realtà concorrenti e sulle nostre intuizioni personali in modo da riuscire ad anticipare proprio la diretta concorrenza.

Non scordiamoci inoltre dell’importanza dei social network (Facebook, Instagram e non solo), dei vari strumenti proposti da Google (a partire da Google My Business e Analytics), di una newsletter a cui mandare i nostri aggiornamenti, dell’utilità di YouTube, di un aspetto grafico accattivante e ben curato e di cercare di scrivere in un buon italiano.

Ricerche vocali e SEO 2019: previsto un boom

Le ricerche vocali rappresentano la tematica più calda tra quelle discusse dai massimi esperti SEO a livello globale.

Nel breve termine potrebbero trarne giovamento quelle realtà attente sin da subito all'utilizzo di nuove parole chiave da impiegare nelle pagine del proprio sito, cercando di adeguarsi anche in parte alle tendenze del momento e al gergo giovanile (oltre alle parole straniere che entreranno a far parte del nostro linguaggio comune).

Sarà inoltre fondamentale tentare di sviluppare i contenuti attraverso una serie di domande e risposte, visto che buona parte delle “Voice search” riguarda proprio domande su un determinato argomento.

Ricerche Mobile (cellulari) e velocità caricamento pagine AMP

Le ricerche dai cellulari hanno ormai da diverso tempo superato quelle da desktop e i siti ottimizzati in funzione Mobile hanno già ottenuto qualche vantaggio di posizionamento all'interno dell’indicizzazione su Google e sui vari motori di ricerca.

AMP è  acronimo di Accelerated Mobile Pages, è un sistema ormai utilizzato (dati forniti da Google pochi giorni fa) da trentuno milioni di siti web in modo da velocizzare il caricamento delle proprie pagine su cellulari e tablet (per intenderci, quando al fianco di una pagina vedete un piccolo fulmine, vuol dire che è provvista di AMP).

Nato circa tre anni fa nell'ambito della Digital News Initiative, l’associazione fondata da Google in collaborazione con otto testate della stampa europea (tra cui La Stampa), il progetto AMP è stato realizzato per garantire un futuro sostenibile allìinformazione digitale, rendendo le pagine più leggere e quindi dal caricamento più veloce.

Backlink SEO 2019: qualità dei link dall’esterno parametro top

Ricevere un link da un altro sito (backlink) è stata una delle strategie più in voga nel passato in modo da posizionarsi nel migliore dei modi.

Oggi le regole in gioco sono di gran lunga cambiate e il ruolo dei backlink rimane importante come fattore di ranking da parte di Google per lo più nel caso in cui il nostro sito venga citato da un portale autorevole (con autorevolezza si intende esclusivamente un sito con un alto numero di visite).

Non è ovviamente semplice ricevere un backlink da parte qualcuno più grande di noi ma, anche se la suddetta citazione dovesse avvenire da un portale di piccole o medie dimensioni, sarebbe comunque un punto in più guadagnato.

Scrivere contenuti di alta qualità e vedrete che una volta ogni tanto verrete premiati con qualche backlink.

Social Network 2019 e SEO: quanto può influire Facebook?

Mark Zuckerberg, patron di Facebook, ha recentemente annunciato che il 2019 vedrà numerose novità per quanto riguarda il social network più popolare nel mondo.

Certi contenuti definiti “astratti” (a partire dai link agli articoli e alle pagine dei vari siti) verranno penalizzati a favore invece di post legati a fotografie, video creati appositamente per Fb e generalmente legati alle relazioni interpersonali tra amici.

Conclusioni:

Il 2019 vedrà probabilmente il suo più grande motivo di rivoluzione nel mondo SEO grazie al ruolo delle ricerche vocali, sempre più utilizzate non solo dai giovani ma anche dal pubblico adulto.

Chi è online

Abbiamo 9 visitatori e nessun utente online